Butterfly di Donatella Maino - Dedicato ad Enio, che mi ha insegnato a costruire le pagine Web, con infinita gratitudine

HOME PAGE di Donatella Maino

 

 


RECENSIONI

 

Angolo fotografico
Trento
Audiobrani

 

 

Spazi in un interno - Poesia e Immagini \ BEST Selection

ALCUNE FOTO RECENTI (MARZO 2015)

COMESONIO.BLOG

Di Rami e foglie

 Il peso del Cielo

Bianco crudo 

                                                       L'ipotesi

 

Compleanno mamma Gina

 

Donatella-gennaio 2017

 
 
 

»                                                                       

FRA IERI E OGGI


 

 

adagio
 

divido in frammenti nervosi
l'adagio dei fiocchi di neve,
lamentano il grano
svenduto
all'ammasso delle parole

noci sparse in brughiera,
il guscio crepa racconti
e relitti diari
con la forza di tutti gli errori.

 

2016

donna

 

benedette siano le tue guance infossate,
tengo la tua testa fredda sul mio petto,

le tue ossa pungono la poesia

dell'erba spezzata ancora verde,
delle cosce avvizzite, colonne
di un'amante d'estate che scoprì subito
il mistero del barile di pioggia.


2016

fotografia degli sposi                         

lei,
con gli stivaletti che rallegrano
i piedi alla miseria,
l'abito tirato sul petto,
dove sbocciano bianche roselline
sgualcite dall'usura.

fra le mani i fiori del loro campo
quand'era alcova alle notti d'estate,
quand'era carne che nuda credeva
fosse un rito alla propizia sorte

lui,
appena ombrato da un nero di baffetti,
la bocca semichiusa,
la mano
si accontenta di sfiorarla.

la rotondità del grembo
li convince sia una piccola collina

dello sfondo che si fonde e s'accontenta
del barocco in bianco e nero

che esegue la propria parte
adeguandosi alla solennità liturgica.

2000

grinze                       


Passo dopo passo, sulla strada morta,
cerco una sedia per parlare con Dio,
per togliere o aggiungere croci
ai miei sentimenti disordinati

mentre guardo monumenti grinzosi nei cortili
delle case per vecchi, appoggiata ai secoli
che mi cavalcano le vene.


balbetto e cado a raccoglier moneta gettata furtiva,
qualcuno dei figli di-d'io ride, la mia faccia è scarlatta:

m'inoltro tra i meli dove parole e lucciole
stillano pene meticcie ai misteri,
rosari spezzati dall'avorio che macina grumi.

2017

vespro

si sforma il corpo,
come se continuasse a morire,
come fosse foglia autunnale
che indugia sulla soglia,
anticipa guance rosse di lane invernali,

bianchi polsi nudi, qualche briciola di pane.

la vita:

l'amante non del tutto concessa,
compagna di piaceri e malanni,
che spesse volte neppure
ci si accorge di sopportare.

fra terra e cielo
la fiamma d'un vespro sanguigno.

.
TORNA SU

Biografia

BENVENUTI... che il messaggio d'amore e di poesia possa essere recepito, violato, modificato, che in esso rimanga il senso per il quale e' stato reso pubblico... In questo sito troverete le mie poesie, i miei libri, le mie fotografie, il mio mondo reale e virtuale. Il mondo di Butterfly.

DI RAMI E FOGLIE¬

Di rami e foglie - Autoedizione Lulu.com

  “Di rami e foglie
in riedizione su Lulu.com.
Pubblicato originariamente con Il Filo Edizioni”

Visita la pagina

IL PESO DEL CIELO¬

Il peso del cielo - Autoedizione Lulu.com

  “Il peso del cielo
in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

BIANCO CRUDO¬


  “Bianco crudo
in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

L'IPOTESI¬

L'ipotesi - Autoedizione Lulu.com

  “L'ipotesi
in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

ANNI DI VENTO¬

Anni di vento di Enrico Besso - Autoedizione Lulu.com

  “Anni di vento
di Enrico Besso

in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina


Basilisco


ti tolgo gli stracci da naufrago,
quel profilo d'amore imperfetto,
l'ardore piegato dall'urto del tempo:
assomigli sempre a te stesso
quando fingi la vita.
sei l'anticipo del basilisco
che immobile uccide col sibilo?
Scambiamoci gli occhi,
rimettiamoci i sandali,
raccogliamo dove la vita stenta
ma non è ancora appassita  tornerò!

2014

 

 

risveglio

 

cerco di entrare in connessione
con una peonia non nata
per un progetto di similitudine,
per uscire un attimo dalla poesia,
per sedermi, sfinita, sulla tavola del cesso.

quasi bimba

 

quando batte l'ora,
quasi bimba ancora,
mostro tutto ciò che mi rimane,
splendida vita senza suolo, né sonno
e la giovinezza che sfiorisce dalle dita
ché anche l'animale muto
ha davanti a sé il suo tramonto.

io fui donna d'altri tempi,
conosco la discesa terribile degli anni,
lo scricchiolare terribile dei malanni.
conosco la brina sulla pelle,
son diventata quasi cieca
a contar le ultime stelle.

 

2016


 

 

Accessi



Sito aggiornato al

09/01/2017