Butterfly di Donatella Maino - Dedicato ad Enio, che mi ha insegnato a costruire le pagine Web, con infinita gratitudine

HOME PAGE di Donatella Maino

 

 


RECENSIONI

 

Angolo fotografico
Trento
Audiobrani

 

ALCUNE FOTO RECENTI (MARZO 2015)

COMESONIO.BLOG

    Di Rami e foglie

    Il peso del Cielo

Bianco crudo 

                                                          L'ipotesi

 

Compleanno mamma Gina

 

 Donatella Maino  2018

 
 
 

»                                                                       

FRA IERI E OGGI


Metafisica



C'è una lunga voce triste che spiega
l'alchimia dell'alloro a rinverdire,
dice della futura poesia ispirata
alla luce che sanguina rivoli d'angoscia

mentre il muschio riveste pareti metafisiche
che grattano la luna arrotolando

maniche azzurre zodiacali.
 

 

2017

Stagioni

 



Se anche ti chiamassi tu non venire,
non sono disposta alla partenza,
la giovinezza ancora mi sfiora
e ancora s'addensano mimose
e fiori a mille nel grembo, dirupano
a me e innanzi all'estate
mai presa dall'autunno e i suoi profeti

2017
 

Dopo il dopo                              


Sempre, dopo il dopo viene il tardi
con quella lingua di rosso illogico;

parole che parlano di se stesse,
alfabeto occulto che lascia intendere
l'esilio nell'angolo più scuro della quiete,

dove sento il rumore dei dolori,
i passi degli assenti vivificati
il cammino degli sconosciuti.

2016

Di me, di lui          

L'immensità era in agguato,
nell'angolo traslucido
un tremolio d'acqua disturbata
dal volto di mio padre.

assomigliava a com'era nelle foto
con la mamma, capelli scompigliati,
quasi un sorriso vecchio
come inciampasse sempre
in un frammento di dolore:

puttana, disse, sollevando la mano
per schiaffeggiare. presero a cadere i pezzi
del grammofono rosso, Rigoletto ondulava
che la donna è mobile qual piuma al vento
ed io ero finalmente libera di far morire mio padre
in quei luoghi dove i passi degli assenti
sono la voce degli sconosciuti.

2010

L'errore

 

Sembrava una bambina vecchia
con la bocca segnata dalle pieghe,
di luna un'ombra le attraversava il viso;

era stata posseduta per giorni interi
presso la tomba di famiglia,
forse un errore del padre o della madre:

dormivano sotto la lavanda
assieme a parole spezzate
che non seppe mai capire bene
come leggeva il linguaggio dei fiori,
quando gli stami e i pistilli avevano
forme falliche e gli steli non riuscivano
a reggere boccioli simili a feti.

2010

 

Biografia

BENVENUTI... che il messaggio d'amore e di poesia possa essere recepito, violato, modificato, che in esso rimanga il senso per il quale e' stato reso pubblico... In questo sito troverete le mie poesie, i miei libri, le mie fotografie, il mio mondo reale e virtuale. Il mondo di Butterfly.

DI RAMI E FOGLIE¬

Di rami e foglie - Autoedizione Lulu.com

  “Di rami e foglie
in riedizione su Lulu.com.
Pubblicato originariamente con Il Filo Edizioni”

Visita la pagina

IL PESO DEL CIELO¬

Il peso del cielo - Autoedizione Lulu.com

  “Il peso del cielo
in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

BIANCO CRUDO¬


  “Bianco crudo
in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

L'IPOTESI¬

L'ipotesi - Autoedizione Lulu.com

  “L'ipotesi
in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

ANNI DI VENTO¬

Anni di vento di Enrico Besso - Autoedizione Lulu.com

  “Anni di vento
di Enrico Besso

in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina


di traverso

 

ho cantato nel silenzio,
osannando i miei meriti
fino a disprezzarli;

come una talpa sapiente
sono uscita dalla tana
mettendomi sulle spalle
colui che cammina di traverso
lasciando agli idioti la fama
della rettitudine.

nelle veglie, nei digiuni, nei sospiri,
siamo quasi ridotti alla fame:


istruirsi è faticoso.

di vita morire
 
di vita muoio contando i minuti
con dita serrate in anelli di lettere

(cinque parole per cinque misteri
occhi mani capelli grembo
il volto delle donne fotografate al tramonto)

per aggiungere sale quanto basta,

ambigua affermazione
che abbraccia il mare
e delle saline le cavità profonde.

 

Stagioni

 

Se anche ti chiamassi tu non venire,
non sono disposta salla partenza,
la giovinezza ancora mi sfiora
e ancora s'addensano mimose
e fiori a mille nel grembo, dirupano
a me e innanzi all'estate
mai presa dall'autunno e i suoi profeti.

 

 

Accessi



Sito aggiornato al

28/10/2018