Butterfly di Donatella Maino - Dedicato ad Enio, che mi ha insegnato a costruire le pagine Web, con infinita gratitudine
RECENSIONI
RECENSIONI
Angolo fotografico
Trento
Audiobrani

Recensione a "Il peso del cielo" di Patrizia Garofalo

» Il peso del cielo di Donatella Maino

9 giugno 2008

 Non Ŕ un caso che la “ cognizione del dolore” di Gadda abbia accompagnato la mia lettura del testo di Donatella Maino, la sua dominante presenza all’interno delle liriche percepisce “il peso del cielo” su spalle che non temono a denudarsi e nella coscienza che la realtÓ sia un attraversamento verso improvvisi strapiombi nei quali l’anima si sbilancia e cade , si ferisce, sanguina, urla, si divincola ,ricorda un passato che torna da evitare per la sua durezza. Il mondo onirico appare come soluzione al male; consolante anche quando si trasforma in incubo e l’incubo in sogno fermando nei versi la realtÓ della vita in apparenza fittizia ma da sopportare in attesa di tuffarsi in un vissuto dell’anima che finisce per diventare punto di riferimento tangibile della poetessa.” Sulle spalle un drappo che brucia/ il lampo di una lama che cade/ prima di raggiungere il mare/
Pag 9… / ho pianto l’alito glaciale / di infiniti legamenti / che giÓ frantumavano le stelle / in chiarori di tramonti/ pag 19. Mare e cielo appaiono nella loro infinitezza costituire una possibile demarcazione dalla terra “gli spettri tutti insieme/ rivivono all’orlo delle mie pagine/ pensando che il nero sul bianco/ sia una rondine addomesticata/. La scrittura diventa
un orlato di foglio che inzuppa l’anima ma la libera per tornare ad essere scritta con il volo di una rondine o cancellata se dalle “dita incrociate/ pendono rottami di cianfrusaglie/; la parola si rincorre, si sovrappone in immagini surreali per ridiventare urlo sommesso , agghiacciato, violento e richiedente di non essere orfana dei “ galoppi sfacciati del mio dire”pag. 36,persuasa anche se afferma il contrario, che l’amore non Ŕ in saldo e se Ŕ vero che Ŕ “un patto disonesto con la solitudine”dall’altra “ rammenda i margini/ all’intero intendere/ dita erranti in fremito di senso” In tutte le liriche si avverte una fisicitÓ debordante sangue, sesso, amore, unghia ferite, forza di spalle nude ad affrontare il mondo, corpo bagnato dalla marea e dalle stelle che appaiono strappate al cielo e trasportate a far luce sulla terra, vicino alla battigia con immagini sofferte di lacoontiana memoria, aggrovigliate, forti, alla ricerca di un linguaggio “illuminato dalla luna discreta/ complice dell’ondeggiare silente del lago/ e delle nuvole che in retaggio di pudore/ volevano oscurarla/.” Il linguaggio nell’autrice si fa poesia e” registra i ruminii degli stormi”mentre scrive”( mi piace uscire dal racconto/ con un senso non finito sulle dita) l’amore Ŕ la mia questione/ o le parole, amandole quanto le amo/

 

TORNA SU

DI RAMI E FOGLIE¬

Di rami e foglie - Autoedizione Lulu.com

  “Di rami e foglie
in riedizione su Lulu.com.
Pubblicato originariamente con Il Filo Edizioni”

Visita la pagina

IL PESO DEL CIELO¬

Il peso del cielo - Autoedizione Lulu.com

  “Il peso del cielo
in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

ANNI DI VENTO¬

Anni di vento di Enrico Besso - Autoedizione Lulu.com

  “Anni di vento
di Enrico Besso

in autoedizione su Lulu.com.”

Visita la pagina

Community¬

apostrofo.com

Accessi¬



Donatella Maino